Contratti di locazione: cessione e risoluzione
22/02/2013 - 1.831 visite in un giorno, il blog continua a crescere.... 1.831 GRAZIE! (dati Google Analytics)

giovedì 9 maggio 2013

Contratti di locazione: cessione e risoluzione



In questo post vedremo cosa fare quando siamo difronte ad una cessione e risoluzione di un contratto di locazione. In particolare affronteremo i principali adempimenti amministrativi in maniera schematica e spero abbastanza comprensibile.
Iniziamo....

Cessione contratto di locazione:
pagare tramite mod. f23 in banca € 67,00
codice tributo 110T
termine: entro 30 giorni dall'evento
altri adempimenti:
  1. entro 20 giorni dal pagamento portare l'f23 all'Agenzia delle Entrate insieme al mod RLI dove verrà indicata la data di cessione.
  2. se la cessione avviene tra inquilini, cioè un inquilino subentra ad un altro, portare all'Agenzia delle Entrate anche una scrittura privata in carta semplice con il benestare del proprietario.
Note: l'f23 va compilato con i dati anagrafici di chi cede e chi subentra.

Risoluzione contratto di locazione:
pagare tramite mod f23 in banca € 67,00
codice tributo 113T
termine: entro 30 giorni dall'evento
altri adempimenti:
  1. entro 20 giorni dal pagamento portare l'f23 all'Agenzia delle Entrate insieme al mod RLI dove verrà indicata la data di risoluzione del contratto.

Sanzioni per tardivo versamento dell'imposta cessione o risoluzione del contratto di locazione

30% dell'imposta versata in ritardo oltre interessi
  1. sanzione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo, se il versamento è pagato entro il 14° giorno compreso dalla scadenza.
  2. sanzione del 3% dell'imposta dovuta (1/10 del 30%) se il versamento è pagato dal 15° giorno al 30° giorno compreso oltre la scadenza.
  3. Sanzione del 3,75% dell'imposta dovuta (1/8 del 30%) se il versamento è pagato tra il 31° e il 365° giorno dopo la scadenza
  4. sanzione intera pari al 30% dell'imposta dovuta se, il versamento è effettuato oltre l'anno.

Come detto sopra vanno versati gli interessi di mora.

Vediamo un esempio pratico
un contratto di locazione si risolve il 1 febbraio 2013, l'imposta dovrebbe essere versata entro il 2 marzo 2013, invece viene versata dopo 65 giorni dalla scadenza (dopo 95 dalla risoluzione)
Quindi siamo nel caso C):
  • risoluzione 67€ con tributo per f23 113T
  • sanzione: 3,75% su 67€ = 2,50€ codice tributo per f23 671T
  • interessi: ad oggi del 2,5% => (67 x 2,5 x 65)/36000 = 0,30€ con codice tributo per f23 731T
Ti possono interessare anche gli articoli qui sotto:

Locazione: imposta di registro annualità successive
Tasse affitti
Rinnovo tacito locazione

Share|
Stampa il post

211 commenti:

  1. Salve Luca,
    vorrei porle una domanda: in caso di cessione della proprietà di un immobile locato, è obbligatorio effettuare la cessione del contratto di locazione tra vecchio e nuovo proprietario? Da recente giurisprudenza sembra che non sia necessario in quanto con rogito notarile vengono trasferiti diritti e doveri al nuovo proprietario, ma l'agenzia delle entrate mi risponde che, benchè siano al corrente della cosa, gli uffici continuano a chiedere la cessione.

    Mi saprebbe dare un parere?

    Saluti
    Raffaele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops... Sicuramente avrai già risolto...sono fuori tempo massimo, non avevo proprio notato il tuo commento... sorry!

      RISPOSTA: fai quello che dice l'AdE non è poi un onere così gravoso

      Elimina
  2. Vorrei fare una domanda. La risoluzione del contratto di locazione deve essere pagata dal ex inquilino esclusivamente o a metà a metà col proprietario? Grazie mille e saluti. Pauline J

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la risoluzione anticipata è a carico dell'inquilino.

      Elimina
    2. Quando invece la risoluzione del contratto non è anticipata?
      Cioè il contratto è scaduto perché ha raggiunto il termine naturale, chi deve sostenere la spesa dei 67 €?

      Elimina
    3. se è arrivato a naturale scadenza non bisogna pagare nulla.

      Elimina
  3. ciao, volevo farle una domanda, il locatore può risolvere il contratto di locazione, atteso che i conduttori non pagano gli oneri condominiali e neanche il canone di affitto, e tra le clausole contrattuali era stata inserita quella specifica di risoluzione del contratto in caso delle suddette inadempienze?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è che se paga l'f23 con i 67€ i signori se ne dovranno andare di casa. Per mandarli via se non se ne vanno di loro spontanea volontà ci vorrà ben altro.

      Elimina
  4. Buonasera Luca, le pongo una domanda.
    Io sono un affittuario con un contratto 4+4. ora sono scaduti i primi 4 e senza nessuna comunicazione direi che il rinnovo e` automatico.
    Pero` 2 giorni fa mi ha chiamato il locatore proponendomi un nuovo contratto 3+2 dicendo che ci sono agevolazioni per tutti e 2 e mi ha mandato un foglio da firmare che riguarda la risoluzione consensuale del contratto attuale senza nemmeno farmi vedere uno straccio di foglio per un eventuale contratto nuovo.
    Premetto che in passato abbiamo avuto parecchie divergenze e questo mi puzza molto di fregatura.
    Alla mia richiesta mi ha risposto che senza la disdetta firmata non potevano fare un contratto nuovo.Visto pero` che lei in passato mi disse che mi avrebbe voluto aumentare l'affitto non vorrei restare fregato firmando la cessione poi dover accettare il nuovo contratto alle sue condizioni o andarmene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. firmare contestualmente i 2 contratti e la disdetta sarebbe la miglior cosa e non vedo il perché no?

      Elimina
    2. Continua a dire che senza la disdetta non possono fare il contratto nuovo.
      Io le ho detto che senza un nuovo contratto gia` firmato da lei non le firmo niente e lei si e` incazzata.
      Questo mi fa pensare ancora di piu` che c'e` sotto qualcosa di poco chiaro.
      Grazie x la risposta.

      Elimina
    3. la cosa a me pare abbastanza semplice: si firma contemporaneamente la lettera di disdetta del primo contratto e il secondo contratto del quale una copia la tieni anche tu per sicurezza. Anche a me sembra un comportamento un po' strano.

      Elimina
  5. Buongiorno Luca, le pongo la mia domanda.
    Io avevo un contratto di locazione 4+4 cedolare secca stipulato a luglio 2012. Nello stesso stabile in cui abito si è liberto un altro appartamento e la proprietaria (sempre la stessa) mi ha proposto di trasferirmici. Abbiamo a gennaio stipulato un nuovo contratto e ho aggiunto alla caparra i soldi mancanti in quanto il nuovo affitto è leggermente superiore al primo.Oggi la proprietaria mi ha contattato in quanto ha dovuto pagare 258 euro all'agenzia delle entrate per la risoluzione del vecchio contratto e le vuole da me.Il modulo che ha compilato è F24 e sono riportati solo i nostri codici fiscali e l'indirizzo dello stabile.Potrebbe essermi d'aiuto? Grazie mille

    RispondiElimina
  6. Mi scusi nella fretta ho sbagliato, il primo contratto è stato stipulato a luglio 2011. Inoltre durante entrambe le stipulazioni era presente il commercialista della proprietaria...oggi latitante,
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di solito la disdetta spetta all'inquilino, ma nel suo caso specifico si può dire che è stata una decisione di comune accordo tra proprietario ed inquilino quindi a mio parere le spese andrebbero divise a metà.

      Elimina
  7. Buona sera. Mi trovo in una situazione paradossale e vorrei un consiglio. Il CAF ha sbagliato a compilarmi il modello F23 di risoluzione contratto (ha indicato una data di risoluzione diversa, 03 luglio invece che 20/06). Questo dettaglio apparentemente insignificante mi crea enormi problemi per l'unico, perché se rapporto l'affitto annuo al 03 luglio non sono più a carico di mio marito, se lo rapporto al 20/06 sì. E' possibile correggere questa informazione? O mi conviene mettermi a carico di mio marito e sperare che nessuno se ne accorga?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo le date contano. Può sentire direttamente l'AdE o consultare un commercialista.

      Elimina
  8. sono il proprietario di un immobile locato a tre professionisti tutti citati nel contratto. Uno dei tre va via, il contratto proseguirà con gli altri due. Siamo di fronte a una cessione di contratto? Nell'F23 i dati anagrafici di chi devo mettere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda. A parere mio è una cessione di contratto, ma è bene che si informi all'AdE. Infatti, secondo di logica, chi esce ha dei diritti e dei doveri sia verso il proprietario, ma anche verso i coinquilini.

      Sia che fosse una cessione di contratto, sia che fosse una risoluzione ci sarebbero da pagare 67€ con f23 (con codice tributo differenti).

      Se è una cessione sull'f23 e su mod 69 vanno scritto i dati degli inquilini e consegnato tutto all'AdE con scrittura privata in carta semplice dove c'è il benestare del proprietario.

      Se è una risoluzione sull'f23 e sul mod 69 deve inserire i suoi dati e quelli dell'inquilino uscente.

      Elimina
  9. Buonasera Luca,
    Tra pochi giorni lascerò un appartamento di cui avevo un contratto 3+2. Da che ho capito devo pagare io i 67 € in banca con il modello F23... Ma comunque i giri tra banca e Agenzia Entrate debbo farli comunque io? O è il proprietario a doverli fare..? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. li dovrebbe fare l'inquilino salvo patto contrario. L'AdE può anche inviare i doc. con raccomandata A/R

      Elimina
  10. Buonasera .
    Sono proprietaria di 1 appartamento che ho dto in locazione con contratto 4 + 2 . Siamo al 5° anno e le mie 2 inquiline vorrebbero cedere il loro contratto a 2 nuovi ragazzi loro amici che mi hanno gia' presentato...a me puo' anare bene se mi forniranno adeguate garanzie.
    Domanda: basta fare una cessione del contratto o risolvere il vecchio contratto e farne uno nuovo con i nuovi inquilini?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possono fare anche una cessione del contratto con il tuo benestare.

      P.s. un contratto 4+2 non esiste
      La legge sugli affitti parla di 4+4, 3+2 (a canone convenzionato), transitorio (da 1 a 18 mesi), transitorio per studenti

      Il prossimo fallo 4+4. Con il 4+2 in caso di contenzioso tra te e l'inquilino sulla durata del contratto, si trasforma d'ufficio in 4+4

      Elimina
  11. Buonasera, ivolevo porLe una domanda. Locazione uso commerciale.
    A seguito di cessione d'azienda é stato ceduto contratto d'affitto.. Piccolo particolare che tale cessione non é mai stata registrata all'AdE. A distanza di 2 anni il conduttore chiede al locatore un nuovo contratto perché naturalmente ha dei problemi anche con l'ente che eroga la corrente..... Cosa sarebbe meglio fare? Il contratto ad oggi si rinnova di altri 6 anni poiché il locatore informato della cessione non ha disdetto o risolto il contratto. Grazie

    RispondiElimina
  12. Buona sera,
    io, coinquilino, vorrei terminare il mio contratto di locazione fra poco più di 3 mesi per motivi straordinari (trasferimento all'estero). Suddetto contratto prevede diritto di disdetta per il coinquilino ogni anno nel mese di settembre con almeno tre mesi di preavviso (quindi entro giugno). Premesso che il locatore non ha nemmeno voluto trovare un compromesso ma mi ha subito inviato lettera con in copia avvocato intimandomi di dover pagare fino a settembre 2014 comunque, o alternativamente concedendomi di subaffittare il locale sotto mia responsabilità, che alternative avrei? Io francamente non posso pagare fino a settembre, nè posso gestire un contratto a distanza. Visto che ho già pagato anticipatamente per i prossimi tre mesi e che il locatore ha inoltre 3 mesi di cauzione, basandomi sulla poca predisposizione del locatore a trovare compromesso (e fidandomi poco del fatto che mi restituirà la caparra), come la vede se non pagassi più tale locatore fino a quando non lascio l'appartamento (fra 3 e mesi e 10 gg). Nel frattempo mi impegnerei a trovare altro coniquilino.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo bisognerebbe leggere il contratto, vedere che tipo di contratto è e vedere se alcune clausole come quelle sulla disdetta anticipata sono derogabili rispetto alla normativa in materia.

      Elimina
  13. Buona sera.
    nel 2007 ho stipulato un contratto di locazione 4+4 come inquilino. Nel gennaio 2008 mi sono trasferito e il contratto è stato risolto. L'agenzia immobiliare ha provveduto a versare l'imposta di registro di 67 €, ma non ha comunicato la risoluzione all'Agenzia delle Entrate, per cui ieri 22 ottobre 2013 mi sono visto arrivare tramite racc. a/r un avviso di liquidazione per il mancato versamento dell'imposta per il rinnovo annuale per l'anno 2009 (codice 112T) + interessi e sanzioni. Premesso ciò, Le chiedo cortesemente a questo punto come posso risolvere tale inghippo e se ci sono sanzioni da sopportare per la mancata comunicazione della risoluzione. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. entro 20gg dal versamento dell'imposta per la risoluzione andava consegnato l'f23 all'AdE.

      A questo punto le conviene andare all'AdE e mostrare l'avvenuto versamento. Poi senta cosa le dicono. Infondo i 67 € sono stati pagati.

      Elimina
  14. Ciao a tutti,

    ho bisogno di un consiglio molto urgente, sono l'inquilino, ho dato a mezzo di raccomandata il recesso dal contratto di locazione nel mese di Agosto per la fine di DIcembre, ho trovato una persona ad ottobre che mi ha succedeto con regolare firma mia sua e della proprietaria. Ora però il nuovo inquilino non ha pagato la caparra ma solo il mese e se ne vuole andare. La padrone mi sta trattenendo la caparra. Può fare una cosa del genere? E' più forte il mio recesso che la cessione del contratto stipulata?

    e' urgentissimo

    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo mi è difficile rispondere con certezza, ha dato disdetta e poi ha fatto un subentro con un altro inquilino. Se avesse dato disdetta solamente è ovvio che la cauzione le dovesse essere restituita, ma successivamente ha trovato un'altra persona e qui nasce il dubbio: è l'altra persona che le deve ridare la cauzione o la proprietaria che gliela deve per poi riprenderla da chi subentra? C'erano accordi in merito? Credo di no vista la situazione e la vedo molto buia riprendere la caparra.

      Elimina
  15. buona sera luca
    da l?1 novembre ho lasciato un appartamento arredato dove avevo un contratto 4+4 premetto che il locatore mi ha scalato dalla caparra 500euro per un imbiancatura immaginaria in quanto all'epoca mi fece firmare il contratto che sosteneva la consegna dell'immobile imbiancato mentre era stato fatto 3 anni prima io ingenuamente ci cascai,in oltre non ha mai rispettato le manutenzioni a suo carico..ora mi vuole far pagare i 67euro in quanto il mio contratto scade a marzo quindi e una risoluzione anticipati...però lui non ha accettato nemmeno la raccomandata di disdetta che mi e tornata ora cosa portei fareper non farmi fregare ancora??

    RispondiElimina
  16. buona sera luca
    da l?1 novembre ho lasciato un appartamento arredato dove avevo un contratto 4+4 premetto che il locatore mi ha scalato dalla caparra 500euro per un imbiancatura immaginaria in quanto all'epoca mi fece firmare il contratto che sosteneva la consegna dell'immobile imbiancato mentre era stato fatto 3 anni prima io ingenuamente ci cascai,in oltre non ha mai rispettato le manutenzioni a suo carico..ora mi vuole far pagare i 67euro in quanto il mio contratto scade a marzo quindi e una risoluzione anticipati...però lui non ha accettato nemmeno la raccomandata di disdetta che mi e tornata ora cosa portei fareper non farmi fregare ancora??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ha dato disdetta anticipata, è lei che deve pagare i 67 €.

      Elimina
  17. per un contratto risolto anticipatamente a partire dal 01/11/2013, ultimo giorno locato 31/10/2013, quale data bisogna inserire sul modello 69: 31/10/2013 o 01/11/2013? Grazie

    RispondiElimina
  18. Buongiorno Luca, complimenti per il suo blog. Avrei un problema con la conduttrice dell'appartamento che le ho dato in affitto. Il contratto è un 3+2, lei ha in affitto una stanza da contratto, e quando ha stipulato il contratto c'era un'altra donna in un'altra stanza affittata, mentre la terza stanza è rimasta a nome di mio padre ma non ci ha mai abitato nessuno. Ora trovandomi ad avere due stanza libere, ho deciso che in una andrò io, mentre l'altra l'affitterò a mio cugino. Lei si è opposta totalmente asserendo che non può avere 2 uomini in casa, dato che al momento in cui lei ha stipulato il contratto vi era una donna all'interno. Vorrei chiederle come mi devo comportare.
    La ringrazio anticipatamente, David.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco te, ma capisco anche le perplessità dell'inquilina. Detto ciò l'appartamento è tuo e non lo hai affittato per intero quindi avendo fatto un affitto parziale il resto dell'appartamento lo puoi affittare a chi vuoi. E' ovvio però che se all'inquilina non sta bene probabilmente ti darà disdetta.
      Quindi le cose sono 2: o vai incontro alle esigenze dell'inquilina, magari affittandolo a ragazze oppure dicendo a lei di trovare altri inquilini che anche a te vadano bene, oppure lo affitti a chi vuoi con il rischio che l'inquilina disdetti oppure peggio ancora che vi renda la convivenza impossibile.

      Elimina
  19. Buongiorno Luca scusi un informazione. Non trovo nessun riferimento legale che mi conferma che la tassa di 67 euro sia dovuta da chi disdice anticipatamente ma solo che la tassa è dovuta in solido da ambo le parti. Cioè mi sembra di capire che la pressi di dire che paga chi disdice sia logica ma nn disciplinata corretto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è corretto, è consuetudine (secondo me giusta, ma è un mio parere personale) ma non disciplinata

      Elimina
  20. buona sera luca! io sono in affitto in una casa. ultimamente ho avuto problemi con un vicino che mi ha già rigato la macchina e ha minacciato di farlo ancora. premetto che già altri 2 inquilini prima di me se ne sono andati per lo stesso motivo. appena successo, ho subito chiamato il proprietario, gli ho comunicato la mia necessità di cambiare casa al più presto e lui mi ha dato carta bianca sulle tempistiche della disdetta del contratto. ora ho trovato una nuova casa in affitto e devo comunicargli il giorno esatto in cui lascerò casa. considerando che non era volontà diretta ne mia ne del proprietario di casa disdire il contratto ma è una necessità causata da fattori esterni alle clausule del contratto in se, chi deve pagare le tasse di disdetta del contratto? tutte io oppure metà a testa?
    grazie mille per la risposta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è da mettersi d'accordo, non c'è una legge

      Elimina
  21. Buona sera Luca, Le vorrei chiedere se, in caso di cessione di un contratto di locazione ad uso commerciale, il cessionario è obbligato a subentrare con le medesime condizioni del precedente inquilino oppure può ripatteggiare il canone, senza dover cessare il contratto precedente ed iniziarne uno nuovo?

    Grazie mille e saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. può subentrare e poi fare la riduzione del canone, sempre con lo stesso contratto.

      Elimina
  22. Ciao Scusami ho disdetto un contratto d'affitto di un mio immobile pagando correttamente l'F23 ma non l'ho portato in agenzia se lo porto adesso cosa succede?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa più importante era pagare l'f23. Le sanzioni sono previste infatti per l'omesso o tardivo pagamento dell'imposta. Se comunichi ora, anche se sono passati più di 20 giorni dal pagamento dell'f23, non dovrebbe succedere nulla e comunque ti conviene comunicare e non aspettare oltre, altrimenti potresti incorrere in piccoli disguidi con l'Agenzia delle Entrate.

      Elimina
  23. buonasera ,volevo sapere di cosa c'era bisogno per cessare un contratto 4+4(mercato libero)che si avvale del regime fiscale della cedolare secca..l'inquilino mi mandato gia' una raccomandata che va via tra 3 mesi in accordo con me....quindi cosa devo portare in agenzia per cessare il contratto?se solo il modello 69 chi lo deve firmare il locatore o il conduttore o chi ha registrato il contratto?grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. portare all'Agenzia delle Entrate mod 69 firmato dall'inquilino oppure dal proprietario dopo che l'inquilino ha riconsegnato le chiavi.

      Elimina
  24. salve, avrei da porre un quesito:
    io sono cointestatario di un contratto d'affitto di un immobile,adesso devo andar via ed al mio posto deve subentrare un'altra persona.
    Quali sono tutti i passaggi che devo fare ?

    RispondiElimina
  25. Buonasera,

    una volta ceduto il contratto, il modello 69 lo posso portare in qualsiasi agenzia oppure solo nell'agenzia in cui ho registrato il contratto? In quest'ultimo caso posso inviare raccomandata con la documentazione all'agenzia? Il fatto è che sono in puglia e l'agenzia che ha registrato il contratto che sto cedendo è a Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra l'altro all'agenzia delle entrate di Milano non mi hanno mai parlato del modello 69. Loro sostengono che basti pagare l'F23...

      Elimina
    2. Altra domanda: io sono cointestatario di un contratto con altri tre coinquilini. Se io faccio cessione del contratto a loro, mi serve il benestare del proprietario? E come lo ottengo questo benestare? Tramite accordo privato?

      Elimina
    3. puoi spedirlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all'AdE dove è stato registrato il contratto. Il mod 69 serve, addirittura nel modello c'è da barrare la casella "ces" cessione (lasciamo perdere quello che ti ha detto l'Agenzia)
      Per il Benestare bastano 2 righe scritte e sottoscritte dal proprietario

      Elimina
    4. Grazie per la risposta.

      Il mio avvocato ha detto che ho anche possibilità di recedere. Se recedo che codice devo scrivere sull'F23? Si paga sempre 67 euro?

      Elimina
    5. recesso codice 113T e paghi 67 € se il locatore non ha optato per la cedolare secca, altrimenti non serve pagare nulla. Anche in questo caso serve il mod 69 da inviare all'AdE dove è stato registrato il contratto

      Elimina
    6. Quindi ha lo stesso codice della risoluzione, ma al posto di risoluzione scrivo recessione? Perdonami, ma la risoluzione non risolve TUTTO il contratto? Io invece dovrei risolvere solo la mia parte di contratto e quindi faccio risoluzione. Scusa se insisto ma non vorrei fare errore perchè se faccio risoluzione ne vanno di mezzo anche gli altri coinquilini. Come faccio a sapere se il locatore ha optato o no per la cedolare secca? Grazie.

      Elimina
    7. *In questo senso il recesso non dovrebbe avere lo stesso codice della cessione?

      Elimina
    8. Ah e poi sul modello 69 ho notato che non esiste la casella Recessione. Esiste solo: Reg/Pro/Ces/Ris. Quale casella devo barrare Ces o Ris?

      Grazie mille.

      Elimina
    9. io intendevo (forse impropriamente) le parole recesso e risoluzione come sinonimi, per dire che il contratto si conclude anticipatamente rispetto alla naturale scadenza, forse è quello che intendeva anche il tuo avv.. E quando il contratto si conclude anticipatamente rispetto alla naturale scadenza si usa il codice 113T.

      Elimina
    10. Ma il punto è proprio questo: in giurisprudenza RECESSO e RISOLUZIONE sono sinonimi? Io devo recedere per me e non per tutto il contratto. Se sbaglio a fare questa cosa ne vanno di mezzo anche i miei coinquilini...

      Elimina
    11. Se uso lo stesso codice della risoluzione come si fa a capire in seguito che io ho risolto/recesso il contratto solo per me e non per tutti quanti?

      Elimina
    12. il codice è 113T, non esiste altro codice. Sul fatto che puoi recedere, dovresti leggere il contratto. Per esempio nei contratti transitori per studenti (non so se sia il tuo caso) c'è scritto:"RECESSO DEL CONDUTTORE - Il conduttore ha facoltà di recedere dal contratto per gravi motivi previo avviso da recapitarsi a mezzo lettera raccomandata almeno tre mesi prima. Tale facoltà è consentita anche ad uno o più dei conduttori firmatari e in tal caso, dal mese dell'intervenuto recesso, la locazione prosegue nei confronti degli altri ferma restando la solidarietà del conduttore recedente per i pregressi periodi di conduzione."
      Con questa dicitura potresti recedere tranquillamente senza farti troppi problemi (F23 con € 67 e codice113T, mod 69 con nome tuo e del proprietario).

      Qualora non vi fosse una dicitura del genere, dovresti interpellare l'AdE dove è stato registrato il contratto e sentire se devi fare una cessione o puoi semplicemente recedere dal contratto come sopra.
      Ti consiglio di sentire e seguire solo quello che ti dice l'AdE dove è stato registrato il contratto e non il call-center dell'AdE o altro ufficio dell'AdE, perché ognuno ti dice una cosa diversa.

      Elimina
  26. Buonasera,
    complimenti al suo blog!:)
    Le volevo porgere una domanda : Sono proprietario di un immobile con contratto di fitto 4+4, stipulato il 22/11/2012.Il mio inquilino mi ha consegnato l'appartamento l'11/12/2013,giorno in cui ho effettuato il pagamento dei 67 euro. Oggi ho consegnato all'agenzia dell'entrate il modulo. Sono in ritardo con i pagamenti? Dovrò cmq pagare la proroga che scadeva a novembre?
    La ringrazio per una risposta, Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende che data ha scritto come risoluzione del contratto, se ha dichiarato che la risoluzione è stata l'11.12 allora deve pagare l'anno di proroga che scadeva a novembre. Aveva 30 gg di tempo dal 22.11

      Elimina
  27. Il mio conduttore ha rescisso anticipatamente dal 1° gennaio 2014 il contratto di locazione stipulato con cedolare secca. Come locataria, andrò alla Agenzia delle Entrate territorialmente competente e compilerò il mod 69 (non ho capito però in quale parte ma mi farò aiutare da loro). Devo allegare anche copia della raccomandata che mi ha mandato il conduttore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non serve, ma per sicurezza ne porti con se una copia

      Elimina
    2. Grazie Luca per la pronta risposta!

      Elimina
  28. Salve Luca,

    in caso di cessione di contratto di locazione ad uso abitativo da un inquilino (in questo caso io) ad uno che subentra, a chi spetta il pagamento del tributo di 67 Euro?

    Grazie mille in anticipo per la cortese risposta.
    Cordiali saluti
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono accordi vostri, comunque di norma metà ciascuno

      Elimina
  29. buonasera Luca, dicembre 2012 ho stipulato un contratto di affitto a nome mio e della mia compagna, ora che la storia è finita ed ho lasciato a lei l'appartamento, vorrei risolvere il contratto per la parte che mi riguarda. Come mi devo comportare?
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me ti conviene fare una cessione e non una risoluzione. Quindi cedi il tuo contratto alla tua ex compagna. Paghi € 67 con f23 e poi lo consegni insieme al mod 69 compilato all'AdE dove è stato registrato il contratto. Per sicurezza ti conviene interpellare sia il padrone di casa, sia l'AdE

      Elimina
  30. Buongiono Luca, sono proprietario di un appartamento locato 4+4 con cedolare secca. Il quarto anno scaduto 11.1.2014 ma tra alcuni giorni l'inquilino va via in accordo. Quindi siamo nei termini sia di registrazione della proroga che della risoluzione. Secondo te cosa faccio. Grazie mille, Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se se ne va fra pochi giorni, una volta uscito, non credo proprio ti convenga fare la proroga

      Elimina
  31. Buonasera Luca
    sono proprietario di un immobile acquistato nell'anno 2006 detenuto sin dal 2002 in locazione da un supermercato.
    Io ho pagato annualmente a mio nome i rinnovi annuali con F23
    ma oggi l'ufficio non riconosce i versamenti eseguiti dal 2008 in quanto non mi riconosce come locatore nel contratto.
    Devo pagare F23 di euro 67,00 per subentro locatore ?
    E con quali nomi compilare l'F23 ed il modulo di subentro? (vecchio e nuovo proprietario oppure nuovo proprietario e nuovo conduttore ?)
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lei ha acquistato un immobile locato, va fatta la cessione del contratto tra vecchio e nuovo locatore. F23 con nomi di vecchio e nuovo locatore e mod 69 da consegnare all'AdE. Siccome andava fatta subito dopo l'acquisto si informi presso l'AdE di eventuali sanzioni che andranno pagate con f23 insieme ai 67 € della cessione.

      Elimina
  32. Buonasera Luca. Ho un contratto di locazione con durata dal 01/03/2009 al 28/02/2012, quindi sono al sesto anno. dato che di comune accordo io e il locatore vogliamo risolvere il contratto, come dobbiamo comportarci? se non verso l'imposta di registro annuale si risolve automaticamente? o devo versare i 67 euro? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve pagare € 67 con f23 in banca e consegnare la ricevuta insieme al mod 69 presso l'Agenzia delle Entrate dove è stato registrato il contratto.

      Elimina
  33. gentile Luca,
    sono la proprietaria di un appartamento dato in locazione con contratto 4+4 i cui primi 4 anni scadono il 31/01/2014. Gli inquilini hanno dato per tempo comunicazione dell'intenzione di non rinnovare il contratto per altri 4 anni.
    Devo dare comunicazione all'AdE e pagare qualcosa? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, risoluzione del contratto con pagamento di 67 € entro 20 gg dal rilascio con f23 o f24 con codice 113T e poi porti la ricevuta di pagamento entro 30 gg all'ufficio dell'AdE dove è stato registrato il contratto insieme al mod RLI (ex mod 69).

      L'unica cosa è che ogni ufficio dell'AdE fa un po' come gli pare, quindi ti consiglio vivamente di sentire l'ufficio dove è stato registrato il contratto perché può darsi che ti dicano di non fare nulla.

      Con la soluzione che ti ho dato io (che sono convinto sia quella giusta) di sicuro stai tranquilla che è tutto a posto.
      Però senti anche l'AdE, ripeto che ogni ufficio ha le sue usanze.

      Elimina
    2. Errata corrige: pagamento f23 o f24 entro 30 gg dal rilascio e consegna ricevuta insieme al mod RLI (ex mod 69) entr 30 gg dal pagamento. Ho invertito i tempi

      Elimina
    3. Grazie per la solerte risposta! ho però un po' di perplessità perché nella risposta che hai dato a Kompre il24 ottobre 2013 dici che se il contratto è scaduto perché ha raggiunto il termine naturale non bisogna pagare nulla...Ma il termine naturale di un contratto 4+4 è da considerarsi alla fine dei 4 anni o a quella degli 8? che confusione.... grazie per il tempo che mi dedichi

      Elimina
    4. perché l'AdE sostiene che alla fine dei primi quattro anni non si debba pagare nulla e quindi ho dato quella risposta, ma rileggendo la normativa se c'è una risoluzione questa è assoggettata ad imposta di registro, tanto più che se non c'è disdetta il contratto prosegue per sua natura.
      Ripeto puoi anche sentire l'AdE e seguire quello che ti dicono loro. Se fai come dico io a quel punto il contratto è chiuso di sicuro e nessuno potrà eccepire nulla.

      Art. 17 testo unico imposta di registro (TUIR):" Art. 17.
      Cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili
      1. L'imposta dovuta per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili esistenti nel territorio dello Stato nonché per le cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite degli stessi, e' liquidata dalle parti contraenti ed assolta entro trenta giorni mediante versamento del relativo importo presso uno dei soggetti incaricati della riscossione, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 237.
      2. L'attestato di versamento relativo alle cessioni, alle
      risoluzioni e alle proroghe deve essere presentato all'ufficio del registro presso cui e' stato registrato il contratto entro venti giorni dal pagamento."

      Se alla fine dei primi 4 anni non viene data disdetta il contratto continua. Dando disdetta il contratto si risolve e a questo punto va comunicato all'AdE.

      Elimina
  34. Buongiorno, sono il proprietario di un app.to, a Febbraio 2013 ho affittato il mio app.to ad uno lavoratore fuori sede con contratto transitorio per 12 mese con cedolare secca, a pochi dal rinnovo l'inquilino mi ha detto che lascerà l'appartamento. Volevo chiedere :non avendo avuto la lettera di disdetta il contratto si è rinnovato per tacito accordo per altri 12 mesi, ora devo fare la disdetta? E chi la deve pagare?ho diritto ad un risarcimento danni da parte dell'inquilino visto vhe se ne va senza darmi i 3 mesi di preavviso come concordato nel contratto?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se è transitorio si rinnova solo se il proprietario e il conduttore dimostrano la sussistenza delle esigenze di transitorietà (addirittura c'è chi dice che un contratto transitorio non può rinnovarsi altrimenti non sarebbe transitorio). Quindi trascorsi i 12 mesi credo che al di la di quello che c'è scritto sul contratto non doveva alcuna comunicazione. Per dare una risposta certa bisognerebbe vedere che tipo di contratto è stato fatto (di solito i contratti transitori sono contratti standard e non contratti che vengono predisposti dalle parti)

      Elimina
  35. Salve Luca, sono diventato nel 2009 proprietario di un locale affittato ad uso commerciale con un atto di permuta con mio fratello, il quale a sua volta lo ha ereditato da mio padre. Non ho comunicato allora il mio subentro all'Agenzia delle Entrate, ma ho effettuato ogni hanno i versamenti dell'imposta di registro a mio nome. Dovendo ora presentare il modello 69 per la proroga dello stesso (6+6) mi chiedo se rischio qualche sanzione per non aver comunicato prima la cessione del contratto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema delle sanzioni ormai c'è sia che registri la proroga sia che non la registri. La cessione andava fatta. Puoi farla ancora pagando le relative sanzioni e gli interessi.

      Elimina
  36. Ciao Luca, sono entrata a vivere in una casa con altre due persone al posto di un una ragazza (una camera singola). da sempre (quattro mesi) verso ogni mese l'affitto tramite bonifico. Il contratto era cointestato a tre persone di cui due sono andate via. Non sono mai entrata nel contratto e adesso il conquilino rimasto e intestatario del contratto mi vuole arbitrariamente mandare via alla svelta. Lo può fare? non mi ha neanche registrata alle agenzie delle entrate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le cose andavano fatte bene prima, ora chiedersi se lo può fare o meno diventa una cosa cavillosa. Da quello che capisco non hai nessun contratto anche se paghi l'affitto. L'affitto con bonifico a chi lo versi? al Proprietario? Se invece lo versi al coinquilino intestatario del contratto, lui e/o i coinquilini precedenti avevano il benestare del proprietario per sublocare o cedere il contratto?

      Capisco che l'esigenza di una casa sia primaria e fondamentale, ma convivere con una persona che ti vuol cacciare fuori e mettersi in lite per stabilire chi ha ragione e chi ha torto probabilmente non è il massimo della vita.

      Elimina
  37. buongiorno, sono il proprietario di un appartamento affittato con un contratto intestato a una coppia, da qualche mese i due si sono separati.Adesso il marito vuole cessare il contratto in anticipo rispetto alla scadenza. Quando ho chiesto una dichiarazione firmata da entrambi mi ha risposto che non può ritracciare la ex-moglie. Posso accettare la sua dichiarazione per chiudere completamente il contratto considerando che la moglie di fatto non abita da diversi mesi nel mio appartamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provi a sentire l'Agenzia delle Entrate di dove è stato registrato il contatto.

      Elimina
  38. Buongiorno, le chiedo se l'imposta di recesso di 67 euro va pagata anche in caso di disdetta alla prima scadenza di un contratto 4+4, cioè il 4º anno. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei dilemmi di cui parlo nelle varie risposte.
      Secondo me si, infatti la legge dice che il contratto continua salvo disdetta, e come fa l'AdE a sapere se è disdetto se non glielo comunico? Se glielo comunico sono 67€.

      Alcune AdE però dicono che non ci vuole. Quindi il Mio Consiglio è quello di interpellare direttamente l'AdE dove è stato registrato il contratto e attenersi a quello che dicono loro.

      Elimina
  39. Luca nel punto D la sanzione è del 30% se l'imposta viene versata OLTRE l'anno e non ENTRO. Correggi se riesci.
    Ciao

    RispondiElimina
  40. Salve Luca, gentilmente le chiedo informazioni per come regolarmi: 10 giorni fa ho fatto un contratto di locazione in commerciale e registrato il giorno dopo, ora per problemi vari tale contratto deve essere annullato ed intestato ad una terza persona, devo rifare tutto nuovo o c'è la possibilità di risparmiare le spese di registro ? Grazie Erminia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con l'accordo del precedente inquilino si può fare una cessione (l'inquilino che se ne va cede all'attuale).

      Elimina
    2. previa raccomandata al proprietario dell'immobile? trattasi no di una cessione di attività.

      Elimina
  41. Ho seguido la guida dell'articolo per compilare un modello F23 per risoluzione anticipata (l'inquilino mi ha comunicato che lascia l'immobile). Si tratta di un contratto ad usao abitativo 4+4. Le imposte di registro le paghiamo annualmente. Ora, ho letto in giro che se si paga l'imposta di registro annualmente, ed il recesso anticipato coincide con l'annualità, non si devono pagare questi 67€ per la risoluzione. è vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e come fa l'AdE a sapere che il contratto è concluso? Pagando 67 € (e credo che le paghi l'inquilino che ha dato la disdetta) state tranquilli entrambi che il contratto è definitivamente chiuso.

      Nell'altro modo L'AdE non avrebbe strumenti per capire se l'affitto è concluso oppure se c'è un ritardo nel pagamento dell'annualità successiva. L'unico modo è comunicarglielo e comunicare la risoluzione anticipata costa 67 €.

      Elimina
    2. SI, hai ragione. Anche a me questa cosa del non pagare sembrava strana ... però così su due piedi ho pensato che bastasse consegnare il modello 69 (compilato per la risoluzione) [che tra l'altro adesso è stato sostituito dal modello RLI] senza alcun modello F23 pagato. Quindi tu dici di fare modello RLI compilato + F23 pagato?

      Elimina
    3. Grazie per il tuo parere. Farò come suggerisci :-)

      Elimina
    4. leggi qui, dice la stessa cosa che dico io: http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/approfondimenti/2014-02-10/fine-affitto-registra-ancora.php

      Elimina
  42. Buongiorno Luca, ma l'inquilino in caso di recesso anticipato da un contratto con cedolare secca, nonostante questa è comunque tenuto a pagare i 67€ di tributo all'agenzia delle entrate?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se c'è cedolare secca non si devono pagare i 67 €

      Elimina
    2. Visto che me li chiedono, puoi indicarmi un link in maniera tale da spiegare e rivelare a loro stessi questo errore?
      Ti ringrazio davvero

      Elimina
    3. vedi link qui sotto (art. 3 punto 2 D.Lgs. 23/2011):
      "la cedolare secca sostituisce anche le imposte di registro e di bollo sulla risoluzione e sulle proroghe del contratto di locazione."

      http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto-legislativo:2011-03-14;23

      Elimina
  43. ti ringrazio davvero, speriamo di riuscire a capirci io e questi :)

    grazie ancora

    RispondiElimina
  44. Buongiorno Luca, nell'aprile 2008 ho affittato ad un cittadino extracomunitario un piccolo appartamento che possiedo in montagna (contratto 4+4). Dopo pochi mesi vengo a conoscenza che il mio inquilino ha lasciato l'appartamento e se ne è andato senza avvisare e lasciare recapiti in cui contattarlo. Purtroppo, per mia ignoranza, non ho provveduto al pagamento dell'imposta di registro per cessazione di contratto ed ora l'AdE mi richiede il pagamento per l'anno 2009 e 2010 dell'imposta di registro che chiaramente non avevo pagato essendo l'appartamento sfitto. Come posso risolvere definitivamente questa situazione ed evitare che arrivino tra qualche tempo cartelle esattoriali per il pagamento delle annualità successive al 2010 ? Ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai una risoluzione tardiva, quindi pagando interessi e sanzione. Per il calcolo degli interessi e della sanzione con relativi codici per f23 o f24 puoi chiedere direttamente all'Agenzia delle Entrate. Non preoccuparti, non dovrebbero essere grosse cifre.

      Elimina
    2. Buon giorno,
      volevo sapere se gli interessi e le sanzioni per il ritardo versamento dei 67 € di chiusura del contratto sono gli stessi ad oggi.
      grazie

      Elimina
    3. Grazie per la sollecita risposta, mi recherò all'AdE e chiederò a loro per il calcolo delle sanzioni e degli interessi. Un ultimo dubbio: non potendo sapere la data certa della cessazione quale data dovrò prendere come riferimento per il suddetto calcolo ?

      Elimina
    4. Teoricamente, quando un inquilino sparisce bisognerebbe agire con la procedura di fratto. Se infatti tornasse potrebbe pretendere di rientrare in possesso dell'appartamento. Questo mi sembra di capire che non sia stato fatto o si? Se non è stata percorsa la strada dello sfratto, disdire non sarebbe formalmente corretto. Se è più che sicuro che a distanza di anni l'inquilino non si ripresenti allora scelga una data, infondo non c'è stata disdetta vera e propria e non c'è stato sfratto, ma formalmente ribadisco che la procedura non è corretta.

      Elimina
    5. Buongiorno, mi sono recato all' AdE e mi hanno confermato il pagamento della tassa di registro (risoluzione di contratto) con l'addebito delle dovute sanzioni. L'unico problema è che per fare ciò devo dimostrare la data di uscita dell'inquilino tramite ad esempio la data di chiusura dell'utenza elettrica. Mi sono attivato presso l'azienda fornitrice elettrica e mi è stato risposto che per la tutela della privacy del mio inquilino non possono rilasciare nessuna documentazione attestante la data di cessazione dell'utenza elettrica. Come posso fare ?
      Grazie per l'attenzione concessa, buona giornata.

      Elimina
    6. se hai detto che l'inquilino è sparito e tu sei il proprietario e non hai ricevuto risposta allora non so cosa dirti. Se avessi proceduto con lo sfratto ovviamente non ci sarebbero stati questi problemi e ovvio che in qualche modo il contratto va chiuso. Prova a risentine nuovamente l'AdE dicendogli che l'azienda della luce non ti rilascia alcun foglio.

      Elimina
  45. Buon giorno,
    volevo sapere se gli interessi e le sanzioni per il ritardo versamento dei 67 € di chiusura del contratto sono gli stessi ad oggi.
    grazie

    RispondiElimina
  46. Buongiorno,
    volevo sapere se gli interessi e le sanzioni per il ritardo versamento dei 67 € di chiusura del contratto sono gli stessi ad oggi.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per gli interessi dal 1 gennaio 2014 sono all'1% mentre per le sanzioni sull'omesso versamento dell'imposta di registro veda il link qui sotto

      http://www.fiscal-focus.info/fisco/imposta-di-registro-il-ravvedimento,3,20936

      Elimina
  47. Salve, ho letto risposte contrastanti per casi simili al mio:
    Locazione 4 anni rinnovabile di altri 4 anni se non interviene disdetta, stipulato il 31 luglio 2010.
    Il conduttore alla scadenza del primo quadriennio ha dichiarato (a voce) di non voler rinnovare, ed andrà via il 31/07/2014.
    Bisogna comunicarlo all'AdE (con Racc. A/R) o non bisogna fare nulla ???
    Grazie per la disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero, ha letto risposte contrastanti perché io (e sottolineo io) ritengo che sia necessario comunicare la disdetta all'AdE, ma molte AdE (la maggior parte) ritengono che alla fine dei 4 anni non sia necessario. Personalmente, senza disdetta, non capisco come facciano a sapere se il contratto è stato tacitamente rinnovato o se il contratto sia terminato, tanto più che la legge prevede il tacito rinnovo alla fine dei 4 anni in assenza di disdetta e non il contrario e cioè la tacita risoluzione in assenza di rinnovo.

      Pagare 67 € (se si è optato per la cedolare non c'è neanche bisogno di pagarli) e comunicare la disdetta con il nuovo mod RLI non mi pare un grosso sacrificio ne economico ne burocratico e ci si toglie da eventuali impicci di interpretazione, in questo modo si sta sicuri di aver chiuso tutto.

      Poi altra soluzione è chiedere direttamente all'AdE dove si è registrato il contratto e fidarsi.

      Elimina
    2. Innanzitutto la ringrazio per l'immediata risposta.
      Nel mio caso non si tratta di contratto con cedolare .secca; Sostanzialmente sono d'accordo con Lei sulla comunicazione ma Le chiedo perchè pagare i 67 € se si è alla fine della (prima) naturale scadenza ?
      E perchè allegare il mod RLI, non basta una racc. R/R comunicando che il 31/07/2014 si conclude il contratto come da naturale scadenza ?
      Grazie ancora e buona giornata.

      Elimina
    3. La disdetta va comunicata all'AdE e serve il mod RLI. Se c'è una comunicazione all'AdE di risoluzione anticipata i 67 € vanno pagati perché la risoluzione è assoggettata per legge (quindi se trova qualcuno che le dice il contrario le sta dicendo una fesseria) al pagamento dell'imposta di registro di 67€

      Elimina
  48. Salve, il mio contratto agevolato scade a Dicembre 2014, la casa versa in uno stato pietoso (umidita', e solaio e balcone del piano sopra che stanno per crollare... la situazione e' precipitata negli ultimi deu mesi e alcuni tecnici mi hanno consigliato di scappare... per questo motivo ho comunicato verbalmente al locatore di voler cessare il contratto da subito e andare via alla fine di Giugno. Il locatore pretende l'affitto fine alla naturale scadenza del contratto.. Su Altalex leggo che l’inquilino può recedere dal proprio affitto in qualsiasi momento, qualora ricorrano gravi motivi, ma deve darne comunicazione via raccomandata 6 mesi prima.... I motivi gravi ci sono tutti, in aggiunta mio padre e mia madre che vivono con me sono anziani e non possono vivere in tale insalubre ambiente considerate le loro condizioni di salute, ma come facevo a sapere 6 mesi fa che la casa sarebbe diventata 'inabitabile'. C'e' qualche via d'uscita considerati gli evidenti GRAVI motivi?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti la legge sugli affitti prevede che l'inquilino possa andarsene in ogni momento dando disdetta con almeno 6 mesi di ritardo. Aggiunge anche i gravi motivi, ma questi sono opinabili, perché chi è che stabilisce quali siano gravi motivi e quali no? Comunque nel suo caso mi sembra di capire che i gravi motivi siano evidenti, quindi non è questo il problema. Purtroppo sono questioni cavillose che o vengono risolte con il buonsenso (soprattutto da parte del proprietari che dovrebbe capire la questione) oppure vi dovreste rivolgere ad un avv. per farvi assistere e cercare di trovare una soluzione.

      Elimina
  49. l'Agenzia delle Entrate mi chiede la presentazione del modello 69 con opzione per la cedolare secca alla scadenza dei quattro anni e mi dice che non avendolo presentato per tempo perdo il diritto alla cedolare. Il contratto decorreva dal 30/09/2009 fino al 31/08/2013 ma in realtà non sono d'accordo nel senso che la naturale scadenza sarebbe agli otto anni e per cui potrei e dovrei continuare ad usufruire della cedolare senza presentare il mod 69 e semplicemente continuando come finora con l'opzione in dichiarazione dei redditi da fare ogni anno. Cosa n epensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla scadenza dei quattro anni e quindi al "primo rinnovo" la richiesta delle cedolare secca va ripresentata con il nuovo mod RLI (il mod 69 è andato in pensione). Se è in ritardo può sempre richiederla per gli anni che restano, ma non per quello in corso

      Elimina
  50. Ciao Luca, mi chiedevo se e' possibile la risolzione consensuale di un contratto di lacazione agevolato, cercando in rete ho trovato in vari siti il relativo 'modello' Questo confermerebbe la pssoibilita di risolvere cons ilcontratto, o bisogna comunque attendere la naturale scadenza? Lo so domanda sembra stupida ma non si sa mai..
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che è possibile. Il mod da compilare è l'RLI

      Elimina
  51. A fine 2010 ho fittato un locale uso commerciale pagato regolarmente con imposta di registro etc..a fine 2011 e'cambiato il conduttore ma mi sono dimenticato di pagare l'f23 per la risoluzione anticipata del conduttore precedente..ora mi e'arrivato la sanzione dall'Agenzia delle Entrate x l'anno 2011(na bella botta) del precedente contratto..devo pagare x forza la sanzione o posso pagare ora l'f23 per la risoluzione riducendo cosi'di molto la multa?grazie..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me devi pagare la risoluzione tardiva, quindi la risoluzione con sanzione e interessi. Comunque ti consiglio di sentire l'AdE

      Elimina
  52. Ho un contratto affitto 3+2 senza ced.secca. A breve scade la 3^annualità e d'accordo con l'inquilino abbiamo deciso di non rinnovarlo.Quali adempimenti dovrei fare? Devo comunicare ad AdE con RLI la risoluzione?(anche se in scadenza?).Devo pagare qualcosa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia interpretazione è che deve pagare in banca 67 € con codice 113T sull'F23 e poi consegnarne copia all'AdE insieme al mod RLI.

      Alcune AdE non sono dello stesso parere quando si è difronte alla prima scadenza.

      Quindi se fa come dico io, non sbaglia di sicuro, rischia al più di buttare 67€, ma si è sicuri di aver chiuso tutto.
      Altrimenti le consiglio di sentire l'AdE dove è stato registrato il contratto.

      Elimina
  53. o.k. grazie. Anche io la penso come lei.

    RispondiElimina
  54. Buonasera, uno dei miei inquilini, che aveva stipulato un contratto transitorio per un'unica stanza, in seguito ad una raccomandata per il ritardo del pagamento dei canoni mensili, è scappato nella notte portando via parte dei mobili e ovviamente senza aver saldato i mesi precedenti. Rassegnata a non recuperare i soldi mi chiedo come concludere il contratto nell'immediato per poter riaffittare la suddetta stanza, senza avere alcuna possibilità di contattare il fuggitivo quindi in mancanza di alcuna comunicazione circa il recesso anticipato.
    Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito quando l'inquilino è irreperibile, si deve procedere con lo fratto per chiudere l'affitto. In questo caso c'è anche il furto, ma non credo che basti la relativa denuncia per furto per chiudere il contratto.

      Elimina
    2. Ma se sono certa che non tornerà posso pagare in banca 67 € sull'F23 e poi consegnare la copia all'AdE? magari una comunicazione alla questura che l'inquilino se ne è andato lasciando le chiavi può essere utile se dovessero sorgere dei problemi?

      Elimina
    3. La maggior parte dei proprietari di casa fanno infatti fanno così, cioè fanno semplicemente la disdetta, ma se poi fra 2 settimane torna?

      Elimina
    4. è vero anche che c'è il furto dei mobili, quindi quasi sicuramente non tornerà!

      Elimina
  55. Io e mio figlio (comproprietari) abbiamo dato in locazione un appartamento. Qualche giorno fa ho comunicato ad AdE la disdetta on line con il modello RLI. Su tale abitazione io avevo opzione per cedolare secca e mio figlio no. Facendo la suddetta procedura ho comunque pagato on line anche i € 67,00 dovuti da lui. Vorrei sapere se è giusta la procedura, oppure anche mio figlio avrebbe dovuto comunicare allo stesso modo.
    Grazie

    RispondiElimina
  56. Salve Luca.
    Sono un'inquilina, e ho dato disdetta 3 mesi fa (quanto previsto dal contratto) per recedere dal contratto a partire dal 1 luglio. Il fatto è che siamo in due a casa, io esco ma non mi subentrerá nessuno, infatti la mia coinquilina continuera' a rimanere da sola. Siamo di fronte a una cessione o a una risoluzione? Inoltre, purtroppo necessito di andare via e risolvere prima della fine di giugno (il mese di giugno è gia pagato e con la proprietaria siamo gia' a posto), posso fare i pagamenti/procedure burocratiche prima della scadenza del terzo mese o devo per forza aspettare che finisca il terzo mese di preavviso per procedere?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  57. Salve Luca ,
    faccio un atto lunedi prossimo per la vendita di 2 alloggi locati, dalle tue precedenti risposte evinco che devo pagare con F23 € 67 per ogni alloggio per cessione di contratto cod. 110 T, modello RLI da presentare all'ADE, il dubbio è se devo fare anche una scrittura privata tra me e l'acquirente o è suff. copia del rogito? grazie buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più di un atto di vendita non c'è niente, basta e avanza quello

      Elimina
  58. Buonasera Luca,
    in data 15.03.2014 è cessato il contratto di locazione di un alloggio che è stato successivamente messo in vendita. Purtroppo la registrazione della risoluzione (anticipata) del contratto è stata fatta solo ora. Ho quindi effettuato il versamento del F23 per l'imposta di registro con sanzioni e interessi, compilato il modulo RLI con tutti i dati e ho presentato il tutto all'ADE. Il funzionario però si rifiuta di accettare la pratica e la cessazione del contratto con quella data in quanto la comunicazione dell'inquilino ci è stata comunicata con raccomandata a mano (siamo in ottimi rapporti e ci siamo fidati di questa comunicazione anche perché consigliati dal commercialista). Il funzionario sostiene che questo tipo di comunicazione non ha alcun valore e che deve per forza datare la cessazione del contratto con un massimo di ritardo di 30 giorni.
    E' troppo "zelante" il funzionario o ha effettivamente ragione e non posso farci nulla?
    La ringrazio per l'attenzione e complimenti il blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. semplicemente non capisce un fico secco (se le parti sono d'accordo di interrompere un rapporto locatizio, non c'è contratto o legge che tenga). Tanto più che la legge neanche parla di raccomandata con ricevuta di ritorno, ma semplicemente di raccomandata. Se c'è un accordo firmato dall'inquilino e accettato dal proprietario qual'è il problema? La prassi vuole la raccomandata con ricevuta di ritorno e ci sono anche sentenze che la nominano, ma ripeto che se c'è l'esplicito accordo delle parti una modalità vale l'altra, al fisco non deve interessare nulla, ne a livello di tempistiche ne a livello di mezzi, il contratto è una scrittura privata,cioè con accordi privati che possono essere in parte derogati da accordi futuri dalle parti.

      L'art. 4 legge 392/78 dice: " E' in facolta' delle parti consentire contrattualmente che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto dandone avviso al locatore, con lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione.
      Indipendentemente dalle previsioni contrattuali il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, puo' recedere in qualsiasi momento dal contratto con preavviso di almeno sei mesi da comunicarsi con
      lettera raccomandata."

      Addirittura, l'art 3 comma 6 della legge 431/98 non menziona neanche la raccomandata: "Il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, puo' recedere in
      qualsiasi momento dal contratto, dando comunicazione al locatore con preavviso di sei mesi."

      Vai su all'AdE e pretendi la registrazione dicendo che non sono fatti suoi, c'è l'esplicita volontà delle parti di interrompere il rapporto di locazione, al fisco non devono interessare ne tempi ne modi di disdetta, l'unica cosa di loro interesse sono i tempi e i modi di registrazione della risoluzione, non gli accordi privati delle parti (TANTO PIù LECITI E CONSENTITI.

      Elimina
  59. Buongiorno Luca, vorrei chiederle un parere, mio zio e' deceduto
    il 22/2/2014 , ha lasciato un testamento dove lasciava a ognuno di noi un appartamento e un negozio siamo 4eredi,questi appartamenti sono affittati con opzione cedolare secca, quali sono gli adempimenti da fare all'ADE? Dobbiamo compilare il mod RLI '? grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è ovvio che va cambiata l'intestazione del locatore nei contratti, quindi va comunicato all'Agenzia delle Entrate chi sono i nuovi locatori che percepiranno i canoni di locazione e quindi che dovranno pagare le tasse. Il tutto tramite mod RLI

      Elimina
  60. Buongiorno vorrei conoscere se c'è una normativa che regola l'istituto delle sanzioni per mancata comunicazione all'agenzia delle entrate della risoluzione del contratto. Grazie

    RispondiElimina
  61. Salve,avrei un paio di domande: 1. Se devo recedete dal contratto anticipatamente per licenziamento o trasferimento per lavoro sono tenuta a far visitare la casa alla proprietaria? 2. Purtroppo ci ha costretto a fare una fideusione bancaria la quale prevede che ci ridanno i soldi dopo un mese dalla cessazzione del contratto,e' legale? Teoricamente in un mese la puo devastare lei la casa e poi ristrutturarla con i miei soldi..parliamo di 4.000 euro...3. Posso per mia tutela a questo punto non pagare l' affitto degli ultimi 6 mesi che corrispondono ai 4.000? 4. Nel contratto abbiamo preventivamente fatto aggiungere sia foto che specificato cje i pavimenti son graffiati,idem per porte e finestre..teoricamente non dovrebbe poterci chiedere alcunche' giusto? 5. La proprietaria ci ha parlato solo di tagliare l' erba e non di altro, ora pero' l' aiuola e' diventata gigantesca, e' manutenzione a carico della proprietaria sistemarla,giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) in linea generale non esiste una normativa in merito, quindi devi vedere cosa avete concordato da contratto

      2) dovrei veder cosa avete firmato, ma se l'avete firmato e prevedeva quanto mi dici, credo ci sia poco da fare

      3) non pagare l'affitto non è possibile saresti considerata morosa, quindi contrattualmente inadempiente, poi se te lo concede la proprietaria in forma scritta è un altro discorso.

      4) se non ci sono altri danni oltre quelli indicati nello stato di consegna e riconsegnate i locali come ve li hanno dati ovviamente non possono chiedere nulla

      5) anche qui valgono gli accordi che avete preso, secondo me è manutenzione ordinaria, quindi spetterebbe all'inquilino, però se non ti ha detto nulla puoi far leva su questo.

      Elimina
    2. Grazie mille ;-) giusto una ultima domanda, la proprietaria ci ha di fatto consegnato la casa in uno stato di sporcizia indescrivibile,ma nel contratto ha messo che era pulita , ora noi e' impossibile che gliela ridiamo come era,in quanto e' 100 volte piu' pulita,quindi lei su questo non puo' dirci nulla,giusto? Non vorrei che si inventa storie e ci fa pagare pure l' impresa di pulizie.... : poi un' altra cosa lei deve poter provare che la casa era in un determinato stato, non puo quindi addebitarci costi di cose che erano gia usurate e rovinate prima,giusto? Deve poter provare con le foto lo stato in cui cele hanno consegnate..-(

      Elimina
  62. Caro Luca, Le scrivo perchè purtroppo oggi mi è arrivata una lettera dell'ade dove mi si chiedono € 168 per non aver dato disdetta di un contratto nel 2010....questo è vero, ma è anche vero che al nuovo inquilino ho fatto contratto regolare registrato e sempre pagati i rinnovi annuali.Devo tacere e pagare o vado a discutere la cosa. Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'adempimento della disdetta andava eseguito, quindi deve pagare. Il fatto che ha registrato un nuovo contratto non c'entra nulla

      Elimina
  63. Salve Luca, ti chiedo gentilmente delle informazioni:
    Abbiamo Stipulato un accordo per ribassare una lòocazione relativa all'anno 2013 (nel 2014 abbiamo chiuso il contratto), il commercialista mi suggerisce di far registrare questo accordo, l'agenzia delle entrate mi dice che devo fare un versamento per modifica contratto, su internet ho trovato una risoluzione n.60/E dovrebbe essere del 2010 dove si dice che non c'è obbligo di una nuova registrazione. Cosa mi consigli per averemeno problemi? Inoltre sempre per lo stesso contratto la società conduttrice ha ceduto l'attività ad un'altra società, compreso il contratto di locazione, andava fatta una segnalazione all'A.d.E.? sono ancora in tempo? grazie e cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il ribasso ti confermo che non c'è obbligatorietà della registrazione. E' ovvio però che se non registri l'AdE non può saperlo quindi in caso di verifica dovresti dimostrare la presenza dell'accordo oltre alla data dello stesso. registrare il ribasso del canone quindi non è obbligatorio ma conviene.

      Per quanto riguarda la cessione del contratto andava comunicata all'AdE. Sei sempre in tempo per farla

      Elimina
  64. Grazie per la cortese risposta, volevo chiedere se la comunicazione del ribasso della locazione e la comunicazione di cessione del contratto possono essere fatti con il mod. RLI e quali possono essere i codici per il pagamento con il mod. f 24, di euro 67. Per il mod. RLI bisogna rivolgersi ad un commercialista per l'invio on-line o basta compilarlo e portarlo ad una A.d.E. anche se diversa da quella dove era stato registrato il contratto?
    Grazie ancora e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cessione la puoi fare con mod rli, per il ribasso devi sentire l'AdE.
      Entrambi vanno effettuati all'AdE dove è stato registrato il contratto. Puoi farlo anche a mano recandoti presso gli uffici, oppure puoi sentire un professionista tipo il commercialista e farlo telematicamente.

      Elimina
  65. Buongiorno Luca, non ci ho capito granché, ho letto e riletto commenti e risposte ma sono ancora dubbiosa sul da farsi.
    Il 10/10/2013 ho sottoscritto un contratto per studenti con cedolare secca. Il contratto si rinnova automaticamente. Ho necessità di trasferirmi e, seguendo le indicazioni fornite dall'agenzia immobiliare, il 27/07/2014 ho inviato una lettera di disdetta alla proprietaria con raccomandata A/R indicando come data di decadenza il 01/10/2014. Sempre seguendo le indicazioni dell'agenzia, ho compilato il modello F23 per poterlo poi pagare. Entro quanto tempo devo pagarlo? Dopo averlo pagato devo fare altro?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai 30 gironi di tempo dall'1/10/2014 per pagare il mod f23 e poi hai 20 giorni di tempo dal pagamento dell'f23 per portare lo stesso insieme al modello RLI all'Agenzia delle Entrate

      Elimina
    2. salve Luca , ho affittato un'immobile nell'ottobre 2008.ho pagato il 2%per rinnovo annuale nell'ottobre del 2009.
      da gennaio 2010 l'inquilino non ha pagato piu' il canone.
      (lo sfratto e' avvenuto nell'estate del 2011.)
      non ho pagato il rinnovo a ottobre 2010.
      a dicembre 2010 ho fatto la risoluzione del contratto d'affitto all'agenzia delle entrate.
      oggi mi e' arrivata la multa di 107 euro per omesso versamento rinnovo annuale del 2010 .
      la mia domanda e' : se io dimostro che nel 2010 non ho percepito nessn canone d'affitto , l'agenzia delle entrate elimina la multa oppure tocca pagarla anche se non si riceve alcun versamento daparte dell'inquilino per l'anno in oggetto ?
      grazie

      Elimina
    3. l'imposta di registro andava comunque pagata.

      Elimina
    4. P.s. scusami del ritardo nella risposta, ma ti ho risposto un paio di giorni or sono, ma non so che fine abbia fatto la risposta, probabilmente ho sbagliato interlocutore.... chissà a chi ho risposto!!!!

      Elimina
  66. Ciao Luca,ho chiuso il contratto di affitto,dopo qualche giorni il vecchio padrone di casa mi chiama e mi chiede i danni x cose nn causate da me...sono obbligata a pagare visto che il contratto e' chiuso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fatto che il contratto sia chiuso dice poco o nulla, i danni li paga chi li ha fatti al di là che il contratto sia in essere oppure no. Il punto sul quale battere è che se non li hai fatti tu non sei tu a doverli pagare. Ora chi dovrà dimostrare cosa, cioè se il proprietario dovrà provare che sei stata tu, oppure sei tu a dover provare che non sei stata, questo proprio non lo so, si fanno apposta i verbali di consegna e di restituzione immobile all'inizio e alla fine della locazione.

      Elimina
    2. Verbali di consegna nn ne abbiamo fatti,come posso tutelarmi?

      Elimina
    3. non saprei, bisognerebbe capire anche che tipo di danni sono

      Elimina
  67. Ciao a tutti ho fatto un subentro a gennaio 2014 per un contratto con la scadenza naturale al 31 Agosto 2014. Siccome quello che ha lasciato l'appartamento non ha voluto pagare la tassa di subentro la pagherò io per mettere tutto in regola. La mia domanda è sono ancora in tempo? perchè questo lo potrei fare a settembre visto che sono via per le ferie.

    RispondiElimina
  68. Salve a tutti, vorrei fare una domanda.
    Ho sottoscritto un contratto con la formula della cedolare secca, ed ora che sono arrivato alla scadenza naturale non voglio rinnovare il contratto.
    Naturalmente ho già mandato la disdetta prima dei tre mesi dalla scadenza.
    Il problema ora si pone perchè la titolare mi chiede dei soldi per chiudere le pratiche all'Agenzia delle Entrate dice.
    Ma se la cedolare secca non prevede spese iniziali, come mai farebbe pagare per chiudere un contratto?
    Secondo me mi vuole fregare quei 60€ che si pagano di solito....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se il contratto è in cedolare secca x la disdetta non si paga nulla

      Elimina
  69. Buongiorno Luca,
    se un conduttore spedisce la lettera per rescissione anticipata da contratto di locazione commerciale, e successivamente cede la propria azienda, il proprietario può rescindere comunque il contratto di locazione facendo riferimento alla lettera di comunicazione di rescissione anticipata?
    Ti ringrazio
    Milly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parer mio si, perché l'azienda che subentra subentrerà in tutto anche nella richiesta di recesso anticipato del contratto

      Elimina
  70. Buongiorno luca, ho un problema con la mia ex proprietaria di casa. Premessa: fino al 31/12/2013 vivevo in affitto con altri studenti,poi causa trasferimento ho lasciato casa, inviando regolare raccomandata rispettando i termini del contratto, nn fu fatto subentro perché nn si trovò nessuno da far subentrare. Ad oggi la mia ex proprietaria mi chiede di apporre una firma su un atto di subentro che dovrà avvenire in questo mese, quindi a 9 mesi dal mio recesso. Può farlo? Se dovessi firmare questo atto,mi comporta il rischio che qualcuno in malafede mi chieda i soldi della affitto dal 31/12/2013 ad oggi(visto che nn c'è il mio nome sulle ricevute di pagamento, il pagamento avveniva in contanti)? Io credo di non dover firmare nulla. Grazie in anticipo per l 'aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che firmando questo subentro, è come se dichiarassi di nn essermene mai andato, pur essendoci la mia raccomandata di disdetta,dato che il subentro è l atto cronologicamente più recente.

      Elimina
  71. Luca buongiorno,
    sono proprietaria di muri commerciali, dove attualmente affitto per una tabaccheria. La proprietaria della suddetta ha venduto la sua azienda e mi ha mandato la raccomandata con il trasferimento del contratto di locazione (art.36). Domanda: nell'F23 che dobbiamo fare quali nomi devono comparire? il mio e quello del subentrante o la vecchia proprietaria dell'azienda e quella nuova? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello della vecchia proprietà della tabaccheria (vecchio inquilino) e quello del nuovo inquilino.

      Elimina
  72. Buonasera Luca,
    sono proprietaria di un appartamento affittato a tre ragazze. Una delle tre è andata via e a lei deve subentrare un'altra ragazza. Ho scaricato il modello f23 e l'Rli ma non ho capito bene come compilarlo. Posso farlo io che sono il locatore? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ma deve inserire i nomi della ragazza che è andata via e quella che subentra, non il suo

      Elimina
  73. Buongiorno.
    Ho affittato un appartamento con la cedolare secca e registrato il contratto con modello Siria.
    L'inquilino ha dato disdetta anticipata, ma non ho fatto comunicazione di risoluzione all'AdE. Adesso l'AdE per accettare la comunicazione di risoluzione mi chiede di pagare una sanzione (258 euro!!).
    Ha senso ed è giustificato chiedere il pagamento di una sanzione, peraltro così salata, quando la risoluzione di un contratto con cedolare secca non implica il pagamento di alcuna imposta, per cui non c'è un ritardo in un pagamento dovuto?
    Cosa devo fare? Pagare senza battere ciglio, oppure protestare affinché L'AdE accetti la comunicazione di risoluzione, anche se tardiva, senza sanzioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne sono pienamente sicuro, ma credo abbiano ragione.
      I 258€ credo si riferiscano alla remissione in bonis, cioè quando c'è l'obbligo di fare una comunicazione puramente formale come nel tuo caso e non si fa nei tempi stabiliti dalla legge, si può rimediare pagando un f24 con 258€ e comunicarlo all'AdE (art 2 comma 1 D.L. 16/2012). E' vero che in assenza di imposta di registro la risoluzione diviene un obbligo puramente formale, ma è pur sempre un obbligo che va adempiuto nei termini di legge. Posso capire la cifra sproporzionata, ma pur non essendone pienamente sicuro, credo che sia così

      Elimina
    2. Infatti, mi hanno fatto riferimento proprio alla remissione in bonis, ma sinceramnete non credo che sia la disciplina che debba essere applicata al mio caso. Infatti, la circolare dell'AdE che parla di remissione in bonis porta esempio di comunicazioni attraverso le quali il contribuente accede al riconoscimento di benefici; dunque, la remissione in bonis è in buona sostanza il vedersi riconosciuto il diritto a quei benefici attraverso una sanzione, nonostante la comunicazione tardiva.
      Nel mio caso, dove sono i benefici di una comunicazione di risoluzione anticipata del contratto? E' evidente che nel mio caso, mancando i benefici, l'applicazione di questa regola risulta inappropriata e sproporzionata.

      Elimina
    3. Art. 2 comma 1 D.L. 16/2012
      "1. La fruizione di benefici di natura fiscale o l'accesso a regimi fiscali opzionali, subordinati all'obbligo di preventiva comunicazione ovvero ad altro adempimento di natura formale non tempestivamente eseguiti.

      C'è da capire cosa si intende per "OVVERO ALTRO ADEMPIMENTO DI NATURA FORMALE", se si intendono anche adempimenti per i quali non c'entra nulla il riconoscimento dei benefici fiscali, e ho paura che loro intendono questo, allora hanno ragione loro.
      Altrimenti no.

      Sproporzionata sono d'accordo con te, inappropriata non saprei perché come molte leggi lascia aperte numerose interpretazioni.

      Elimina
    4. Non è per spirito di contraddizione, ma il soggetto di quell'art. 2 comma 1 del DL 16/2012 è sempre "la fruizione di benefici fiscali o l'acceso a regimi fiscali opzionali" che è subordinata alla preventiva comunicazione o altro adempimento formale.
      Nel mio caso manca il soggetto di questo comma. L'adempimento formale di comunicazione di risoluzione del contratto non è condizione (o almeno non mi sembra) di fruizione di benefici o di accesso a regimi fiscali opzionali.

      Elimina
    5. Probabilmente l'AdE la intende diversamente, comunque una possibile soluzione potrebbe essere quella di registrare in ritardo la disdetta senza pagare nulla, l'AdE non può rifiutarsi di accettarla, poi aspettare l'eventuale sanzione (che ho controllato ma non sono riuscito a trovare nulla, quindi non si sa se c'è e a quanto ammonti). La sanzione anzitutto non è scontato che arrivi e se arriva se si paga subito viene ridotta di 1/3 quindi per pagare più di 258€ dovrebbe essere di oltre 800€ che secondo me è estremamente difficile se non impossibile che arrivi una sanzione così salata.

      Elimina
  74. Buongiorno,
    ho un contratto di locazione 4+4 intestato e regolarmente registrato dalla proprietaria. Ora dopo essermi sposato, la proprietaria mi comunica di dover obbligatoriamente fare una cessione per inserire mia moglie, che ora risiede con me, nel contratto , e di pagare 67 euro con modulo f23. E' corretto? E' obbligatorio fare questa cessione? o mia moglie può risiedere con me senza questa modifica contrattuale? grazie mille. paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me non servirebbe, in quanto tua moglie risulterà sul tuo stato di famiglia e dove dovrebbe stare se non con te?
      Spesso per i coniugi viene fatto il contratto di locazione solo ad uno dei due.

      Elimina
  75. Buongiorno, nel 2003 mia madre ha dato in affitto un locale con contratto di locazione di 4 anni. L'inquilino è andato via prima cioè nel 2005 ma mia madre non sapeva che bisognava risolvere il contratto che è stato,quindi risolto in ritardo nel 2009 (per il periodo dal 2003 al 2005).Qualche giorno fa mia madre ha ricevuto una cartella esattoriale riguardanti tasse di regiistro di locazione degli anni 2006 e 2007 . Inoltre mia madre teme che potrebbero arrivarle anche cartelle per omissione nella dichiarazione dei redditi del reddito dell'affitto inerenti al periodo successivo il 2005. Mia madre è stata all'Enel per provare a dimostrare che l'inquilino avrebbe cessto la fornitura Enel nel 2005 ma all'Enel non è risultata nessuna utenza a nome di quest'ultimo.Volevo chiederle quindi se potrebbe bastare,per evitare di pagare tasse non dovute, un'autocertificazione in cui mia madre dichiarerebbe sotto la propria responsabilità che il locale sia stato affittato solo dal 2003 al 2005? La ringarzio per i consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma nel 2009 quando ha fatto la risoluzione ha dichiarato che era una risoluzione risalente al 2005?

      Elimina
    2. Grazie per la tempestività della risposta! Si, all'Agenzia delle Entrate risulta che il contratto è stato risolto il 31/12/2005

      Elimina
    3. allora le consiglio di andare all'AdE con la risoluzione, perché sarebbe un controsenso che permettano di fare la risoluzione tardiva (con tanto di sanzione ed interessi) e poi emettono ugualmente le cartelle esattoriali. Provi anche a trovare qualche prova con le utenze e a portala all'AdE. Non le assicuro nulla, mi faccia sapere cosa le rispondono

      Elimina
    4. La ringrazio ancora, l'unica prova poteva darcela l'Enel ma a qunto pare è impossibile risalire al nome dell'utenza. Presentare all' AdE la ricevuta di risoluzione con un'autocertificazione come le dicevo prima,potrebb essere utile?Le farò comuque sapere.Cordiali saluti

      Elimina
  76. sono andata stamattina all'Ade con la risoluzione tardiva del contratto e le cartelle chiedendone lo sgravio. Le cartelle sono state annullate. Ho trovato un operatore più competente e meno pignolo del precedente che non mi ha chiesto altre prove. Cordiali saluti

    RispondiElimina
  77. In caso di cessione di contratto di locazione a seguito di compravendita, si deve pagare l f23 con il codice 110t di 67 euro anche se i proprietari hanno optato per la cedolare secca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cedolare secca non assorbe l'imposta per le cessioni, quindi va pagata

      Elimina
  78. Il cedente a suo tempo aveva inviato la comunicazione all inquilino prima di esercitare l opzione per la cedolare secca. Ora non serve che i nuovi proprietari - cessionari facciano altra comunicazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il cedente è un soggetto, il nuovo proprietario è un altro, quindi la comunicazione va fatta

      Elimina
  79. Buonasera.
    Il 1/11/13 ho sottoscritto un contratto di sublocazione con scadenza il 31/10/14. Ho mandato in data 25/03/14 una raccomandata con data di decadenza del contratto 25/09/14. Io subconduttore parlando con la conduttrice mi ha detto che non c'è nessuna disdetta da pagare. È vera questa cosa? In caso negativo saprebbe dirmi come si procede in una situazione del genere?

    RispondiElimina
  80. buongiorno , ho un appartamento che ho affittato con contratto 4+4 a fine della prima scadenza di 4 anni ho richiesto di liberare l immobile perchè lo volevo vendere, con raccomandata e ricevuta di ritorno (premesso che io sono residente dentro quella casa e lo ero anche quando ho affittato a gli inquilini) a distanza di mesi l immobile non si vende e credo non si riesca a vendere nemmeno nei mesi a seguire, posso riaffittare l appartamento ad altre persone, ho letto che devo chiedere a gli ex inquilini se vogliono rientrarci loro oppure risarciarli , ma la decisione di farli rientrare o risarcirli spetta a me o decidono loro se rientrare o richiedere il risarcimento, inoltre gli ex inquilini sono morosi nei confronti del condominio, grazie

    RispondiElimina